Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Leggi l'informativa.
Proseguendo la navigazione del sito si accetta il nostro uso dei cookie.

Facebook


Viaggi di istruzione

Visualizza il catalogo


Catalogo estate 2017

Visualizza il catalogo


Area Riservata Agenzie di Viaggi

  Spagna


 IL CLIMA

 DOCUMENTI PER L'ESPATRIO

 ORA

 LINGUA

 VALUTA

 TELEFONO

 VOLTAGGIO

 CUCINA

 SHOPPING

 DA NON PERDERE

 IL CLIMA

La Spagna è la regione europea che presenta più varietà geografica: zone desertiche si alternano a campagne rigogliose, altipiani, vette innevate. In questo prezioso panorama rientrano mete di pellegrinaggio (Santiago di Compostela), zone di turismo balneare (Costa del Maresme, Costa Brava, Costa Daurada), magnifiche città da visitare in tutto il territorio. Scegliere quando partire dipende dalla meta. Mentre le coste atlantiche sono fresche anche in estate, in questa stagione le zone interne del sud e l’Andalusia sono molto calde. Le coste del Mediterraneo hanno inverni molto miti e soleggiati, per cui il soggiorno è piacevole anche in inverno, ma i mesi più indicati per visitare le città rimangono maggio-giugno e settembre-ottobre. Le coste spagnole sono molto belle e piene di vita; in particolare la Costa Brava è ricca di insenature e calette, mentre dalla Costa Daurada andando verso sud si trovano lunghe spiagge di sabbia. Il litorale atlantico è invece più ventilato e l’acqua del mare più fredda.

 DOCUMENTI PER L'ESPATRIO

I cittadini degli stati membri dell’Unione Europea e della Svizzera possono entrare in Spagna con la sola carta d’identità valida per l’espatrio. I bambini devono presentare la foto autenticata con autorizzazione della Questura o devono essere registrati sul passaporto dei genitori.

 ORA

La Spagna ha la stessa ora dell’Italia. Da fine marzo a fine ottobre entra in vigore l’ora legale.

 LINGUA

La lingua ufficiale è lo spagnolo/castigliano, che appartiene alla famiglia delle lingue neolatine. In Catalunya (di cui è capoluogo Barcellona) e nelle Baleari è ufficiale anche la lingua catalana.

 VALUTA

L’unità monetaria spagnola è l’euro. Le carte di credito possono essere utilizzate per i propri acquisti e per prelevare anticipi di denaro contante presso le banche e gli sportelli bancomat.

 TELEFONO

La rete GSM funziona, ma se si desidera non usare il cellulare sono molto diffusi i telefoni pubblici, apparecchi di colore blu facili da usare per le chiamate nazionali/internazionali, e che accettano sia monete che carte telefoniche. Per telefonare in Italia si deve digitare il prefisso 0039 seguito dal numero dell’abbonato, mentre per telefonare in Spagna dall’Italia si deve comporre lo 0034, seguito dal numero desiderato.

 VOLTAGGIO

La corrente elettrica viene erogata a 220v. In alcuni casi sono necessari degli adattatori perchè molte prese hanno solo due fori poiché non prevedono la messa a terra.

 CUCINA

Il pasto principale è sicuramente il pranzo, durante il quale vige l’obbligo del menù del dia, che dovrebbe costare circa il 70% di quello à la carte.
Per quel che concerne l’ora dei pasti, la Spagna è il regno dell’estremismo mediterraneo: non si pranza mai prima delle 14.00 e non si cena prima delle 22.00. Tipico del paese è il rito dell’aperitivo, che consiste nel giro di locali dove un bicchiere di vino viene accompagnato da stuzzichini di ogni tipo. Quanto alla cucina spagnola è una cucina genuina dai forti accenti mediterranei, dai sapori gustosi e forti, anche se i caratteri variano a seconda della regione. Tra i cibi più conosciuti si annoverano il bacalao a la vizcaina, la paella, la fideuà, la fabada, il gazpacho, la tortilla de patatas, il crocido, le tapas, i mariscos. Come vino è famoso il Rioja.

 SHOPPING

La maggior parte dei turisti viene attratta dai grandi magazzini (tra cui famosissimi El Corte Inglès, Galerìas Preciados) più che dall’artigianato locale. Non mancano comunque oggetti tipici da acquistare: mentre a Siviglia si trovano scialli e ventagli, in Galizia si possono comprare le rinomate porcellane spagnole, chiamate Lladro, e a Madrid si possono cercare i pezzi di antiquariato del nord Africa importati dall’Algeria e dal Marocco. Le ceramiche bianche e blu che si trovano in Aragona recano tracce dell’influenza araba; più o meno in tutto il paese si trovano pizzi, pelletteria, gioielli ed oggetti in rame e legno. Nelle isole Baleari si possono acquistare le belle perle di Maiorca.

 DA NON PERDERE IN CATALUNYA

  • Girona, dove si possono visitare lo splendido borgo medievale e la cattedrale.
  • Figueras e cadaqués dove si possono visitare rispettivamente il Teatro-Museo e la Casa-Museo di Salvador Dalì, tra i musei più frequentati di tutta la Catalogna.
  • Montserrat, con il suo splendido monastero che conserva la tradizione del canto vocale con la celebre "escolania", la più antica scuola monastica d’Europa dedicata al coro dei monaci.

Agenzia di Pubblicità At&Acme